LambrateToday

Basta auto sui marciapiedi "perchè "coprono" le prostitute"

La decisione del consiglio di zona 3 per le vie Piccinni e Monteverdi. Tra le ragioni della scelta anche la pericolosità delle auto per chi frequenta le scuole e la piscina Bacone

Presto sui marciapiedi di via Monteverdi e via Piccinni non si potrà più parcheggiare. Lo ha deciso giovedì sera il consiglio di zona 3. Si tratta di due strade tra viale Abruzzi e corso Buenos Aires.

Secondo gli stesori della delibera, l'andirivieni di automobili sui marciapiedi "a ogni ora del giorno e della notte" rappresentano un pericolo per i pedoni, soprattutto in considerazione della vicinanza di una scuola e della piscina Bacone. Inoltre su via Piccinni - lo si legge sempre in delibera - "le auto in sosta sui marciapiedi costituiscono anche uno schermo ideale per chi esercita la prostituzione".

Due ragioni, quindi, dietro alla decisione della zona 3: la sicurezza dei pedoni, da una parte, e dall'altra il tentativo di limitare il fenomeno della prostituzione. Non ci sta il Pdl: "In questo modo tolgono decine di posti auto - commenta Vincenzo Viola - e ovviamente chi abita nelle vicinanze non è d'accordo". Resta da vedere se l'obiettivo della limitazione della prostituzione potrà essere raggiunto in questo modo oppure no. La delibera è stata votata dalla maggioranza di centrosinistra anche se non tutti i consiglieri si sono trovati d'accordo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

  • Coronavirus, i contagiati in Lombardia sono 112. Positivo anche un medico del Policlinico

Torna su
MilanoToday è in caricamento