LambrateToday

In vendita l'area ex liceo Manzoni: addio al centro sportivo Algo

Il Pio Albergo Trivulzio mette all'asta l'area ex Liceo Manzoni. Scompare una società sportiva e le strutture rischiano di rimanere abbandonate per molto tempo

Che fine farà l'area "ex liceo Manzoni"? Per chi non fosse della zona di Lambrate e dintorni, ci riferiamo al terreno e alle strutture presenti in via Rubattino 6, dove, fino all'estate del 2011, era presente il liceo linguistico Manzoni, ora trasferito in via Grazia Deledda. L'edificio scolastico era concesso in affitto al Comune di Milano dal Pio Albergo Trivulzio, la celebre casa di riposo milanese. Il contratto è scaduto nell'estate del 2011 e da quel momento la struttura è rimasta completamente deserta, salvo per alcuni locali del "Corpo ovest" dell'ex scuola che sono ancora assegnati alla comunità di prima accoglienza dei Martinitt.

Ora la notizia è che la proprietà (appunto il Pio Albergo Trivulzio) vuole vendere tutto e già da alcuni mesi si è mosso per le "procedure di alienazione". In pratica ha messo all'asta tutto il terreno e i fabbricati alla modica cifra di 7 milioni e 600mila euro. Oltre alla scuola, nell'area, trovava spazio anche il centro sportivo dell'A.S.D. Algo, una società con squadre di calcio e pallavolo. Il 30 giugno scorso è scaduto anche il loro contratto d'affitto e l'Algo, presente nel quartiere dal 1994, è praticamente scomparsa, vista la mancanza di una nuova struttura disponibile.

Circa un centinaio sono le famiglie (molte del nuovo quartiere residenziale di Rubattino) che mandavano i propri bambini a giocare in questo centro sportivo e ora dovranno cercare una nuova sistemazione, mentre Lambrate resterà praticamente senza una società e un campo di calcio (rimangono solo lo Schuster in via Feltre e la Scarioni che però si trova oltre l'Ortica). Da circa un anno tutta l'area "ex Liceo Manzoni" è stata inserita dal Pio Albergo Trivulzio nel "Perimetro Piano Vendite 2012-2018", in sostanza un programma di ripianamento di bilancio per coprire un buco di oltre 10 milioni di euro. Il prezzo di partenza delle trattative (7 milioni e 600 mila euro) è però molto alto e infatti le aste pubbliche organizzate (23 aprile e 20 giugno) sono andate deserte.

Il Pio Albergo Trivulzio, ricordiamo, è noto per una storia fatta di scandali e indagini della magistratura. Nel 1992 dall'arresto del suo presidente Mario Chiesa partiva l'inchiesta di Tangentopoli. Molto più recente, febbraio 2011, invece lo scandalo Affittopoli: un enorme giro di affari immobiliari che consisteva nella vendita o nell'affitto di appartamenti a prezzi stracciati a favore di politici, vip, giornalisti, "parenti di" e "amici di".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, se non dovesse arrivare presto un acquirente si rischia di vedere ancora una volta una vasta area di territorio, una volta adibita a servizi pubblici come la scuola, la comunità e il centro sportivo, abbandonata a sé stessa per chi sa quanto. Ovviamente sarebbero i cittadini a rimetterci e non il Pio Albergo Trivulzio che ha un patrimonio di migliaia di beni mobili e immobili solo a Milano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento